Della fiducia ben riposta.

È uscito il nuovo album dei Ministri.

FIDATEVI.

Che poi oltre essere un affermazione è anche il titolo, dell’album e della seconda traccia.

Non voglio dilungarmi in una recensione perché non sono competente per farlo. Voglio solo dire che la tematica della fiducia in tutte le sue sfumature è il concetto che permea tutte le canzoni.

Sebbene a molti fans non piaccia io come al solito me ne fotto e mi faccio trascinare dalle parole principalmente..infatti lo trovo quasi perfettamente calzante per la mia condizione emotiva recente e attuale.

Mi ritengo come al solito molto soddisfatta.

_____________________________

Analisi emotiva.

Dopo un 2016 di merda in cui la mia fiducia nella vita stessa è stata messa a dura prova, in cui ho scoperto la delusione nei confronti delle persone e non solo per quelle con cui si hanno rapporti marginali ( che già ben conoscevo) ma anche per quelle importanti.

Il nostro rifugio distrutto distrutto

Un anno in cui ho visto con i miei occhi come il tuo corpo può tradirti.

Un anno in cui mi son fatta circuire dall’ennesimo bugiardo infedele nel peggiore dei modi.

Avevo un sogno più semplice, mi vergognavo di dirvelo,un ghiaccio troppo sottile per costruirci qualcosa su… arrivi tu e si spezza e non c’è acqua più fredda, ma come sempre sul fondo ritrovo qualcosa di me

Guardami come se ci tenessi per davvero e usami, quello che posso Chiedimi quello che riesco

La voglia di fidarmi a chi mi diceva che ci sarebbe stato un meglio era meno di zero.

Potevo contare solo su di me.

Ognuno ha visto una stella cadere e ha pensato e se funziona davvero?

Ognuno ha le forze per rovinarsi o salvarsi da solo.

Ognuno ha un posto in cui tornare.

… come si fa a fidarsi e poi fidarsi di nuovo?

Poi è arrivato il 2017.

E io ho creduto che forse fidarsi di nuovo era l’unica salvezza.

Infatti mi sono fidata che ci fosse ancora del bello da qualche parte nascosto per me.

E senza nemmeno rendermene conto ho riposto la fiducia in una persona come se non fosse esistito un prima traumatico. Ed è stata una scelta meravigliosa.

Ora è un nuovo anno e tutto sembra incastrarsi come un puzzle magico.

Ringrazio ogni momento in cui appoggio la testa sulla sua spalla e tutti gli stress se ne vanno in un secondo. E io riesco a dormire come quando ero piccola.

Ringrazio che ci sia a dirmi di crederci quando io vacillo.

Anche oggi ti ho pensato nella battaglia, ti ho chiamato e tu mi hai spento il rumore mi hai guardato negli occhi, mi hai coperto le spalle

Non serve aggiungere che ho ben riposto la mia fiducia 🙂

Dimmi cosa hai capito della felicità Dimmi che cosa ancora ti fa urlare a piena gola …ti fa stare appeso a un filo, ti fa stare ancora bene

bene come non sapevi più

Quindi un solo consiglio: FIDATEVI.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...