Rimuginamento.

Allora …devo pensare a una situazione che mi ha fatto sentire sicura e protetta.

Compitino dello psyco.

E il vuoto cosmico mi assale…

A parte da bambina in famiglia ..da adulta sembra che io abbia dimenticato l’ultima volta che ho provato questa dimensione. 

La risposta di chi ha un compagno o una compagna sarebbe facile..ma io! 

Io mi sento sicura e protetta quando sono da sola soprattutto e con poche altre persone che conto sulle dita delle mani ma con cui non ho una singola situazione in particolare ho una continuità mentale.

Quindi ricapitolando non so rispondere.

Qual è la tua isola felice? 

Non lo so. Avevo scritto un post tempo fa in cui esprimevo questa sensazione di protezione (ovviamente univoca) con Orsettopastoso ma sappiamo come è andata. È out. Quindi non è più valido.

Miiii com’è difficiiiileeee!! 

Spero mi venga in mente qualcosa di più concreto.

Intanto in tutto questo rimuginare l’ho pensato. E i pensieri si sono trasformati in mancanze. Stupide mencanze. 

Che ti addormenti cercando di non rievocare troppo i ricordi ma non ce la fai.

Poi il mattino dopo entri in Facebook  e ta-dan! capisci che forse pensare intensamente a qualcuno gli smuove qualcosa di inconscio quasi telepaticamente.

Ma…Too late.

Appunto.

Anche se in qualche momento manchi e manca il respiro al pensiero.
Ognuno vada avanti coi propri demoni.

And of someday My demons came for you  I take my old friend I’ve been looking for him to   But I don’t have a clue Never found one piece of you

Annunci

5 pensieri su “Rimuginamento.

  1. Sicura e protetta…
    Non è che trovi un metodo per fermare il turbinio di quei pensieri che vengono proprio quando spegni la luce e anche se prima stavi leggendo un saggio sui sommergibili tedeschi?
    Perché io ho provato a contare, ho provato con i respiri, ho provato a pensare intensamente ad un’altra cosa, ma niente…

    Liked by 1 persona

  2. meglio non sentirsi mai sicuri e protetti, meglio esser sempre pronti a tutto, sarà perché ho dovuto sempre provvedermi e fortunatamente i miei genitori che sapevano che non avrebbero mai potuto darmi nulla, neanche una raccomandazione per far l’usciere non mi regalarono mai una carezza, anche se ci soffrivano ad esternare quella durezza educativa. Certo questo non vale per chi ha, come ai miei tempi non valeva per il figlio del medico condotto cui facevo i compiti in cambio di qualche caramella e che avrà fatto anche lui il medico, però di isole felici dovresti averne visitate più d’una e forse non le avrai apprezzate come tutti noi d’altronde

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...