Anaffettiva

Ho talmente tanto bisogno di amare davvero qualcuno che non riesco ad essere affettiva con quelli che mi capitano a tiro.

So essere passionale certo. Fin troppo.

Incendio tutto quello che tocco ma non riesco a trasmettere tepore.

Dov’è finita la mia capacità di avere una misura?

E’ successo tutto talmente in fretta che non ho potuto ragionare.

Ma rimanere inerme e silenziosa stesa a fianco di un uomo senza riuscire ad abbracciarlo, senza riuscire ad essere un minimo partecipe, senza riuscire a pensare a nient’altro che una qualsiasi mossa un po’ più affettiva possa compromettere tutto.

E compromettere tutto comunque.

Lo vedo dalle loro espressioni.

Non cambia se lo conosco da due anni o da due giorni.

Con O.P. credevo dipendesse dal fatto che ha una fidanzata. E che da parte mia, pur essendo nato qualcosa, era sempre stato bloccato sul nascere da un rifiuto totale da parte sua,  nello spostare il rapporto verso orizzonti più sentimentali. Quindi nella mia psiche era più che giustificato il mio rimanere lì dopo il sesso a chiacchierare senza parlare davvero, senza una carezza, senza un abbraccio, senza calore. Senza prendere un’iniziativa coccolosa.

Ma ora ho la conferma che probabilmente ho io un problema relazionale…

nell’entusiasmo di avere un’altra possibilità, non ho un minimo problema a espormi fisicamente ma sentimentalmente sì.

Seppure per molti un abbraccio, una carezza un bacetto tenero non contano molto, per me probabilmente hanno assunto quel carico emotivo che prima riservavo al sesso. Mi si è spostato l’asse completamente.

Quindi per evitare fraintendimenti, mi chiudo a riccio nel mio imbarazzo e temporeggio, svio, ridacchio ma non mi espongo.

Che poi razionalmente ci penso e so che non sarebbe poi sta gran tragedia assecondare degli istinti per il solo gusto di farlo…ma mi blocco comunque completamente.

Ne vien fuori ai loro occhi, probabilmente, che sono una mangia-uomini fredda e calcolatrice. Che poi parliamone …se così fosse, almeno in questo campo, vorrebbe dire che sono a dieta.

Creo e distruggo magie. Perché in fondo so di non avere quello che voglio.

Che quello che voglio davvero è solo essere amata davvero.

[Anche se mi accontenterei di Quello che l’ultima volta che l’ho visto, stava appoggiato alla transenna con incollata alla bocca la sua bella.  E io mi son sentita tipo Jd nell’immagine sotto e mi sono liquefatta.
BA0gs1hCYAARToz ]

Ma bando alle ciance e all’essere pesanti.

Immagino che non mi rimane altro che prenotare l’analista, se non avete altri consigli migliori da darmi.

Comunque c’ho guadagnato in paesaggi e strade nuove da imparare.

Il che non è male.

11350699_10205551015509759_2820570058324871393_n

Annunci

8 pensieri su “Anaffettiva

  1. Devo andare dall’analista.
    Mi sento inferiore a tutti voi che c’andate!

    (Riflessione: modificare il proprio comportamento istintivo/naturale desiderando un amore vero, è come travestirsi da Renzi e sperare di non prendere sputi).

    Liked by 1 persona

    • Caro Vetraio, alla fine io parlo parlo ma non ci sono mai andata dall’analista.
      Comunque non so se ho trasmesso il messaggio correttamente… desidererei l’amore ma mi caccio in situazioni dove non riesco ad essere affettiva.
      Tutto lì.
      E per ogni volta che ho detto “la smetto”, ci sono sempre ricaduta. Sarà che non disdegno il buon sesso ogni tanto, ma fondamentalmente sono anche una romanticona e quindi quelle situazioni mi generano sempre un po’ di imbarazzo e indecisione.
      🙂

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...