OCCHI GONFI

Come ogni tanto mi capita ho voglia di piangere.

Sento l’urgenza di svuotare il sacco, di rimescolare i sentimenti e di sentire gli occhi gonfi.

Di solito quando non ho un motivo vero e proprio guardo un film triste o leggo qualcosa di commovente.

Ma oggi no. Oggi ho tanti motivi.

1) Paura. Uff ce ne sarebbe per un libro intero al punto uno perchè paura è una parola grande che ha tante sfumature. Mi limito ad esprimere paura per il fatto che sento l’urgenza di svariate cose importanaddosso ma è come se per natura mi bloccassi in loop nella medesima situazione, ripetendo spesso lo stesso tipo di errori e inguaiandomi da sola in situazioni viziose che mi fanno da cuscinetto contro la volontà di un vero e proprio cambiamento.

Hai voglia a leggere libri sulla crescita personale, sull’autostima e la serena convivenza nel mondo… qui sono io che sò le cose, ho gli strumenti ma non mi fido ad incominciare da qualche parte.

2) Distanze. Presto una presenza per me essenziale (seppur sia già parecchio tempo che non è fisicamente a me vicina come prima) si allontanerà da me per un lungo periodo di tempo.

Sono felice e al tempo stesso triste perchè a)psicologicamente e fisicamente non cambierà praticamente nulla, b) è una cosa che rende felice una persona a me cara e di conseguenza mi riempie di gioia e mi inorgoglisce c) come nota agrodolce aggiungo che questa cosa determinerà una più lunga lontananza tra noi rispetto al solito oltre al fatto che il vivere due situazioni completamente diverse sicuramente ci faranno ritrovare con caratteri e personalità leggermente diversi. Ed è comunque quindi un po’ traumatico. 

3) L’insoddisfazione. Lo dico apertamente senza più maschere. Ora che ho una vita sessuale relativamente esistente mi sento peggio di quando non ne avevo affatto. Mi sento sconfitta nella mia persona. Sconfitta perchè pensavo di riuscire a lasciare un imprinting più profondo anche nel più classico dei modi che va di moda oggi ovvero scopiamo e poi ci salutiamo. Si vede che sono per i discorsi prolissi, per i ragionamenti fatti assieme e che in queste cose qui non son tagliata. Fanno tante feste tutti ma poi diventano ostici alla parte seria della vicenda seppur davvero inconsistente ai miei occhi e d’un tratto mi paiono tutti incomprensibili da decifrare. Mixiamo pure una buona dose di sfiga e di ricerche che sembrano fatte col lanternino… ma (mea culpa) credevo di aver finalmente trovato, forse, una persona sul quale scommettere qualcosa di più e invece mi ritrovo di continuo con l’amaro in bocca, di non riuscire a mostrarmi oltre la carne. Di non far leggere nemmeno una riga del mio libro interiore.

Il non essere ascoltati mi uccide. Io sono una spugna, osservo e deduco e ascolto anche nei momenti in cui non si dice una parola. Rimango sempre scandalizzata quando non mi si restituisce il trattamento. Io poi che l’80% di quello che sono lo dico in silenzio, potrò mai avere un connubio tra relazioni carnali e sentimentali-mentali?

4) Spleen. In tutto questo ho un senso di noia e di abbandono delle forze che è un mix letale. Mi riduce incapace di avere il minimo stimolo per recuperare in altro modo questa serie di piccoli avvenimenti sommati che mi rendono malinconica. Mi ritrovo così intollerante e acida e pure polemica. Uff

 

 

Annunci

6 pensieri su “OCCHI GONFI

  1. Spesso si è intolleranti , acidi e polemici senza ragione…e a questo stato                                                                             d’animo , a volte  perenne, con pochi momenti di tregua , non c’è , di solito, rimedio.  Fossi in te non mi preoccuperei.  Davvero .
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                     

    Mi piace

  2. meno male  dai, per questa volta è andata…ma tanto lo so che la mia cara demenza senile anticipata mi aspetta dietro l’angolo 😀
    Comunque, nonostante appunto vi mangi, nemmeno io riesco a capire tutto lo sfarzo per le feste dei 18 anni.. non le ho mai condivise, anzi le evitavo proprio. Naturalmente non ho festeggiato allora per i miei, giusto il minimo con quattro compagni di viaggio in campagna.
    E ora, per contrappasso appunto, me ne becco parecchie.. Se non è ironia della vita questa!

    Mi piace

  3.  qui da noi non esistono quelle feste si fanno appunto piu che altro feste tipo in discoteca col pullman le compagnie piu numerose se no con pochi amici. I 18 sono meno miticizzati. Sono diciamo una scusa per bere di piu delle altre sere. E sinceramente non so cosa sia peggio. E’ andato storto qualcosa nella generazione. Quindi….mi dispiace per te armati di pazienza!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...