STRANGER

E così l’unico a colpire nel segno,
a capire al primo colpo esattamente il mio essere, anche negli aspetti più nuovi,
anche quelli che nemmeno io avevo ben razionalizzato nella mia testa,
è un perfetto sconosciuto.
Bingo.
Un centro dietro l’altro al punto da spaventare.
Al punto da farti pensare “ehi erano le parole che cercavo per raccontarmi”.

Finalmente qualcuno mi ha letta e interpretata così come io voglio essere letta e interpretata.
Finalmente qualcuno che non ha detto banalità scontate o ha girato al largo alla prima occhiata.

Maybe the time is come.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...