CURARSI

Nell’insegnamento della medicina siete abituati a vedere. (…)
Cosi’ il docente di medicina svolge prevalentemente la parte di una guida e di un commentatore che vi accompagna attraverso un museo mentre voi ottenete il contatto immediato con gli oggetti e siete certi che la vostra convinzione dell’esistenza dei nuovi fatti sia frutto della vostra percezione. Purtroppo tutto va diversamente nella psicanalisi.
Nel trattamento analitico non si procede nient’altro che a uno scambio di parole tra medico e paziente. Il paziente parla, racconta di esperienze passate e di impressioni presenti, si lamenta, ammette i propri desideri e impulsi emotivi. Il medico lo ascolta,cerca di dare un indirizzo ai processi di pensiero del paziente,lo esorta, sospinge la sua attenzione verso determinate direzioni,gli fornisce alcuni schiarimenti e osserva le reazioni di comprensione o di rifiuto che in tal modo suscita nel malato. 
(…)
Con le parole un uomo può rendere felice l’altro o spingerlo alla disperazione,con le parole l’insegnante trasmette il sapere agli allievi, con le parole l’oratore trascina con se’ l’uditorio e ne determina giudizi e decisioni. 

LE PAROLE SUSCITANO AFFETTI E SONO IL MEZZOCOMUNE CON IL QUALE GLI UOMINI SI INFLUENZANO TRA LORO.

S.F.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in varie. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...