HO TOCCATO DIO

Ho toccato Dio.

Era sudato.

Eppure aveva un buon odore di talco.

Sarà stato il fumo del suo palco.

Era stanco.

                  Tirato.

                             Distante.

Come se tutte queste apparizioni comportassero per lui uno sforzo enorme.

Dopotutto è anche vero che se dovesse ascoltare le preghiere di tutti impazzirebbe.

Dovrebbe dividersi, non avrebbe più tempo per se.

Si sciuperebbe ulteriormente.

Più di quanto lo è già.

Tutta colpa del suo tradimento, del suo amor perduto.

E allora ok. Vai a casa.

Non voglio essere certo io quella che ti fa stare male.

Prima che tu parta però voglio dirti che per amarti non sono entrata in una stanza, mi è bastato vederti da lontano.

Anzi, percepirti.

Tu invece in quella stanza era meglio che non ci entravi affatto.

 

Ti ho toccato.

Eri sudato.

Eppure avevi un buon odore di talco.

Sarà stato il fumo del Tuo palco.

Eri stanco.

                  Tirato.

                             Distante.

 

Piccolo Dio egocentrico?.ma in quell?istante ho capito.

Ti ho capito.

                                                                                                                     

                                                                                                 Sara.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...